Un contratto di locazione con cedolare secca prevede il pagamento di un’imposta sostitutiva Irpef forfaitaria. La scelta della cedolare secca implica la rinuncia, per tutta la durata del contratto d’affitto, all’aggiornamento del canone di locazione in base alla variazione annuale accertata dell’indice nazionale Istat, anche se prevista nel contratto.